Google Manufacturer Center: il Nuovo Catalogo Mondiale degli ecommerce?

Se hai un ecommerce devi sapere che oggi Google ha annunciato il lancio di Google Manufacturer Center, la piattaforma per i produttori che vendono online e vogliono standardizzare / semplificare la gestione dei dati di prodotto visibili online attraverso un sistema integrato che gestisce dati, descrizioni di marketing, immagini, codici etc.

 

Auto 500
Questa piattaforma sembra fatta a supporto della precisione dei dati su Google Shopping e la PLA ( verticale di adwords con annunci visuali di prodotto a pagamento) e va nella direzione di competere meglio con i grandi merchant quali Amazon, Alibaba e eBay. Il tutto in ottica di ridare online il controllo delle info sui prodotti ai produttori (per questo Google Manufacturer Center NON può essere attivato dai distributori o comparatori del caso, se sei un distributore usa /fatti un account su Google Merchant Center).

 

In sintesi, ecco alcuni aspetti principali di Google Manufacturer Center:

    1. Nuove Analitiche di Prodotto: In cambio dei dati di prodotto, Google ti dà un cruscotto che fornisce la rendicontazione sulla visibilità del prodotto sulle piattaforme Google (ricerca e shopping in primis).
      Ad esempio, sapremo in un determinato lasso di tempo quante volte gli utenti hanno cliccato sui nostri prodotti dalle piattaforme dell’azienda di Mountain View. Questa caratteristica è simile a quello che vede un fornitore di Amazon central.
    2. Standardizzazione dei catalogo prodotti: Per le PMI poco digitali, uno dei problemi nel fare un ecommerce è la miriade di punti (File aziendali, CRM interni, cataloghi sul gestionale, etc) e formati (XLS, JPG. XML) dove andare a prendere le info sui prodotti da mettere online.
      Gli strumenti che aiutano a gestire come complessità sono conosciuti solo dagli addetti ai lavori e hanno costi a partire da ca 1.000 €/mese.
      Google Manufacturer Center diventerà uno strumento necessario per chi investe in pubblicità a pagamento sui motori di ricerca offre una soluzione gratuita (per ora) a questo problema in cambio come al solito di dati.
    3. Formato XML supportato e Feed: Quando create il file di dati da dare a Google, salvatelo in uno dei tipi di file supportati con l’estensione del file appropriato:.tsv : valore separato da tabulazioni
      XML : XML
      gz : zip Gnu , testo compresso o XML
      .zip : Zip, testo o XML
      .bz2 : Bzip2, testo o XML
      Il feed può essere di test o standard. Per dettagli sulle specifiche del feed vai qui.

 

Google Manufacturer Center è attivo in fase beta solo in USA, per richiederlo compilate questo form riservato ai produttori.

Commenti

Eventi Digital

Articoli che potrebbero interessarti

> Tutti gli articoli
Calcolare il ROAS per le campagne digital

Calcolare il ROAS per le campagne di digital marketing

Il ROAS (Return on Advertising Spend) ossia il ritorno sulla spesa pubblicitaria…
Continua a leggere
Guida su come fare un brief per un'agenzia SEO

Come scrivere un brief per un’agenzia SEO: Guida step by step

Alla base della selezione di una valida agenzia SEO deve esserci il…
Continua a leggere

Google Chrome 69: Cosa c’è di nuovo nell’aggiornamento

Non solo la nascita di Google Ads tra le novità 2018 per il…
Continua a leggere