L’Indice Mobile-First Google diventa operativo

L’indice Mobile-First Google si mangia il desktop

Google ha annunciato che, dopo un anno e mezzo di test, è in essere l’indicizzazione mobile-first, ovvero la scansione, raccolta e classificazione delle pagine web viene fatta preferendo la versione mobile del sito.

In estrema sintesi: avere siti responsive e contenuti ottimizzati e con caricamento veloce per lo smartphone è ancora più utile a fini SEO.



Quindi Google continua ad avere un unico indice per servire i risultati di ricerca, ma sarà popolato dalla versione Mobile delle pagine, che diventa anche la versione di cache di riferimento. Questa unificazione della raccolta e spidering comporterà grandi risparmi (di soldi, di energia e risorse dell’ambiente) per Alphabet Inc.

Curioso notare come, per i siti che hanno pagine AMP e non AMP, Google preferirà indicizzare la versione mobile della pagina non AMP; questo potrebbe significare, a mio parere,  che il progetto AMP perde priorità per Mountain View.

Per chi fa SEO è importante sottolineare che l’indicizzazione mobile-first riguarda il modo in cui sono raccolti i contenuti, non la loro classificazione. Come Google stessa afferma, possiamo pensare all’indice come ad una libreria: con questo aggiornamento, i libri sulla libreria rimarranno gli stessi, ma verranno sostituite le versioni cartacee con le versioni e-book.

A parità di altri fattori SEO, se il tuo sito ha solo contenuti desktop friendly e la concorrenza è responsive/mobile, i tuoi ranking desktop potrebbero tenere mentre sul mobile scenderanno; questo soprattutto per una questione di caricamento veloce, che l’utente web si aspetta sia da desktop che da dispositivi cellulari.
Ricordiamo sempre che, oltre all’accessibilità mobile, i fattori di ranking utilizzati da Google sono più di 200 e che pertanto il ranking del tuo sito dipende anche da come sta messa la concorrenza sui vari parametri di posizionamento.

Commenti

Eventi Digital

Articoli che potrebbero interessarti

> Tutti gli articoli
Calcolare il ROAS per le campagne digital

Calcolare il ROAS per le campagne di digital marketing

Il ROAS (Return on Advertising Spend) ossia il ritorno sulla spesa pubblicitaria…
Continua a leggere
Guida su come fare un brief per un'agenzia SEO

Come scrivere un brief per un’agenzia SEO: Guida step by step

Alla base della selezione di una valida agenzia SEO deve esserci il…
Continua a leggere

Google Chrome 69: Cosa c’è di nuovo nell’aggiornamento

Non solo la nascita di Google Ads tra le novità 2018 per il…
Continua a leggere