Google sotto “Attacco AI”: cambia il motore di ricerca e la SEO 

Come riporta una recente intervista sul New York Times del portavoce di Google, a breve la ricerca Google cambia con “nuove funzionalità basate sull’intelligenza artificiale nella ricerca”.  Vediamo cosa succede e perché il leader del search cambia:

Lo Shock Samsung, il rischio Apple 

I dipendenti di Google sono rimasti scioccati quando hanno appreso, il 23 marzo, che il gigante sudcoreano dell’elettronica di consumo Samsung sta valutando di sostituire Google con il motore di ricerca Bing di Microsoft come motore di ricerca predefinito sui propri dispositivi. Samsung è il primo produttore per volume su Android.

Per anni, Bing è stato considerato un motore di ricerca dove ci si poteva imbattere per sbaglio, quando si cercava “Google” come prima cosa. Tuttavia, negli ultimi tempi Bing ha acquisito maggiore interesse grazie all’aggiunta della nuova tecnologia di intelligenza artificiale Chat Gpt.

La minaccia di Samsung e il suo contratto con Bing valgono circa 3 miliardi di dollari di entrate annuali dalla pubblicità Google Ads. Altri 20 miliardi di dollari sono legati ad un contratto analogo con Apple, che scade quest’anno (Google paga ad Apple circa 250 milioni di dollari all’anno per essere il motore di ricerca predefinito sui suoi dispositivi).

 

Il Nuovo Google AI 

I concorrenti basati sull’IA, come il nuovo Bing, rappresentano la minaccia più seria per il business delle ricerche di Google degli ultimi 25 anni. In risposta, Google sta lavorando per costruire un nuovo motore di ricerca completamente basato sulla tecnologia dell’Intelligenza Artificiale. Inoltre, sta potenziando il motore di ricerca esistente con nuove funzionalità basate sull’IA, secondo il NYT.

Il nuovo Google sarà un motore di ricerca che offrirà agli utenti un’esperienza personalizzata molto più avanzata rispetto a quella attuale, anticipando le loro esigenze grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale.

Lara Levin, portavoce di Google, ha dichiarato in una nota che ” Siamo entusiasti di portare nuove funzionalità basate sull’intelligenza artificiale nella ricerca e condivideremo più dettagli presto.”

Intervista al CEO di Google sul futuro dell’ AI 

In questa intervista a 60 Minutes, Il CEO di Google, Sundar Pichai, crede che l’intelligenza artificiale sia la tecnologia più radicale che abbiamo mai sviluppato in passato, come la scoperta del fuoco o dell’elettricità. In un video tour del laboratorio di intelligenza artificiale di Google, 60 Minutes ci offre uno scorcio del chatbot Bard che genera risposte “anche emotive” e del Progetto Starline – un prototipo di videoconferenza basato sull’IA. 

Tuttavia, è urgente la necessità di una regolamentazione governativa per prevenire l’abuso dell’IA, ad esempio nella creazione di disinformazione o video deep fake. Pichai sottolinea inoltre che la società deve discutere sull’impatto dell’IA sulla forza lavoro e sulla necessità di regolamentazioni per aiutare la società ad adattarsi a questo cambiamento radicale. 

Conclusioni

Google ha raccolto una vasta quantità di informazioni su di noi negli anni, utilizzando principalmente la pubblicità come fonte di guadagno. Tuttavia, potrebbe essere giunto il momento di mettere le carte in tavola e offrire un’iper-personalizzazione su misura per ciascuno di noi, cosa che solo Google, grazie all’ecosistema di Mappe, Android, Fitbit, ecc., potrebbe fare meglio di chiunque altro.

Ciò avrà un impatto significativo anche sul mondo della SEO, in cui l’analisi della filiera delle ricerche pre e post keyword diventerà centrale nelle consulenze, portando alla perdita di rilievo del rumore di sottofondo dell’acquisto di link.

Parleremo di questo nel prossimo corso di SEO Total che terremo a Milano a Settembre. 

Torna in alto