La tecnologia ci ha lasciato senza parole?

Sono appena tornato da un viaggio di lavoro in silicon valley ed ho notato un nuovo interessante trend digitale che sta cambiando la vita della gente: la iper digitalizzazione della comunicazione nella vita degli americani.
Definisco Iperdigitalizzazione della comunicazione il drastico aumento nell’uso dei canali di comunicazione digitali (sms, email, post, tweet, pins, hang out, etc) a scapito dei canali diretti personali (parlare, chiamare, incontrarsi). Mi spiego con alcuni esempi ed evidenze molto forti:

1) Partecipando ad una conferenza di marketing digitale che frequento annualmente (smx),ho notato che da quest’anno, durante le presentazioni, e’ possibile fare domande ai relatori SOLO compilando un form (vedi immagine). In pratica funziona cosi: se vuoi fare una domanda scrivi nel form e il moderatore poi leggera’ / interpretera’ la tua domanda (in genere senza menzionarti o coinvolgerti piu) e senza che tu debba neanche parlare.

Ok tutte le sale conferenze della conferenza SMX hanno il wifi e molti (circa 60%) dei presenti avevano il portatile/ipad/smartphone per andare online, ma ritengo che cancellare completamente il canale DOMANDE ORALI sia eccessivo e riduca la qualita dell’interazione e a tendere riduca la capacita delle persone di parlare ed interagire fuori dai canali digitali.

smx west domande solo su pc

2) in base a quanto riportato a SMX west 2012 da Google nella persona di Masha Fisch, Senior Product Marketing Manager, il modo di fare pubblicita’ sul mobile / smartphone, richiede come best practise quella di mettere in grande evidenza un bottone di richiesta informativa nella parte alta della pagina mobile; questo in quanto la gente utilizza lo smartphone molto per ammazzare il tempo mentre aspetta qualcosa ( bus, coda per pagare, etc), piuttosto che per chiamare (questo dato è confermato anche in Italia dove si registra un aumento del texting verso il consumo di chiamate vocali ). Guardando la gente per la strada e’ frequente vedere persone completamente immerse nel texting sia mentre aspettano ma anche quando camminano o guidano, questo con tutti i rischi del caso. Insomma anche in questo caso, sempre piu’ comunicazione scritta digitale e meno interazione verbale.

3) Per chiudere la ciliegina sulla torta: vado in aeroporto a fare il checkin della southwestern airline ma al desk non trovo nessuno tranne un mega schermo – Totem con cui devo interagire al fine di acquisire il mio boarding pass. Dopo qualche iniziale imbarazzo completo la procedura digitale in completa autonomia e senza assistenza del personale. Alla fine prendo il mio boarding pass e mi accorgo di avere ancora 30 minuti liberi e mi sorge spontanea la domanda che di solito faccio all’hostess di turno:  dove si mangia meglio in aeroporto ( in genere quelli che lavorano tutti i giorni in aeroporto lo sanno bene)? Questa volta pero il check in me l’ha fatto una macchina e non posso chiedergli alcuni consiglio.  Non mi resta che andare su google o facebook e  passare all’interazione digitale invece di quella personale.

Io sono un grande amante della tecnologia ( con cui mi guadagno da vivere), ma la domanda mi sorge spontanea:  Stiamo forse esagerando con la digitalizzazione delle nostre relazioni? Avete altri esempi di iper digitalizzazione delle relazioni nella vostra vita quotidiana?

Commenti

Articoli che potrebbero interessarti

> Tutti gli articoli

Hai copiato/comprato link?Google ti penalizza nel ranking (Farmer Update)

Come promesso qualche mese fà, in questi giorni Google ha introdotto un…
Continua a leggere
Opinioni EasyJet per forza negative

Opinioni EasyJet: perché non ci volo più (valorizzano il nostro tempo 1.25€/h)

In questa recensioni da consumatore vi spiego perché volare con la Compagnia…
Continua a leggere
Corso SEO Lugano presso NetComm

Corso SEO a Lugano

Il 7 Ottobre 2014 a Lugano (Supsi sede di Manno) terrò Il…
Continua a leggere