Quali metriche sono veramente importanti per la SEO?

Marco Lo Guercio, fondatore di Find, nell’intervento #smx #13B, ci spiega come districarsi tra gli indicatori di performance e quali scegliere, sia in funzione di “progetto”, cioè quelle metriche che possono essere utili a migliorare i nostri interventi ma non necessariamente sono da utili al cliente finale, come ad esempio il numero di pagine indicizzate da Google o la percentuale di traffico organico sul traffico totale, sia in funzione del cliente, che valuta sicuramente molto di più dati come ROI o Costo per Acquisizione.Vi è infine la necessità di saper presentare in maniera chiara al cliente i dati scelti, che devono essere più digeribili possibile: dei dati, anche positivi, presentati male e in maniera poco chiara, possono essere fraintesi e causa di peggioramento dei rapporti. Metriche SEO
Accanto a lui, Stephan Walcher, ex Bing/Msn.de, head of SEO di Catbird Seat, cerca invece di chiarire il problema per chi fa SEO delle chiavi (not provided): nel giro di nemmeno 3 anni, si è passati dal 10 a quasi l’85% di keyword non riportate da Google Analytics.
Infine Richard Baxter di SEO Gadget, ci offre una carrellata di Tool per controllare le menzioni del proprio brand o nome sui risultati e sui Social, al di là del semplice link alle nostre proprietà sul web.
image_print

Commenti

comments

  • Anche vero è però che se si associa il WebMaster tool di Google alle Analitiche questo problema scompare del tutto o quasi.

    Comunque un bel meeting siamo cresciuti tutti

  • Davide Lusiani says:

    Ciao Luigi,
    E’ vero che Grazie al WMT il problema si ammortizza, ma alcuni dati sulle chiavi che ci può dare analytics, ma “persi” a causa del not provided, sarebbero importanti per un’analisi più approfondita.

    Se ti è piaciuto il meeting ti consiglio un interessantissimo corso SEO il 2-3 Luglio a Milano, se ti interessa trovi le informazioni qui: http://www.bruceclay.com/eu-it/seo/training.htm.