Pubblicità su Facebook: paga l’agenzia o il cliente?

Acquistare la pubblicità su Facebook pone una questione importante per il marketing aziendale: quale account uso quello dell’agenzia già pronto o ne faccia uno proprio? E come pagare le inserzioni di Facebook? In questo articolo facciamo chiarezza e vediamo i pro e contro delle 2 opzioni:

Pagamento Inserzioni Facebook

La questione della scelta del modo di comprare Facebook Ads è legata all’aspetto pagamento: storicamente Facebook si acquista pagando con la carta di credito che molte aziende non vogliono/ possono mettere. Inoltre con la carta di credito la fatturazione è fatta ogni singolo giorno anche per pochi euro al giorno, aspetto che fa dannare il commercialista e la contabilità (preparatevi ad una fattura al giorno come Actimel). Da inizio 2017 le società italiane (non è uguale per tutti i paesi) possono abilitare anche il pagamento via conto corrente ( cosi come accade in Google Adwords) e Paypal, anche senza avere una spesa elevata (per budget importanti Facebook concede linea di credito a pagamento a 60 gg).

facebook pagamenti

Account aziendale Facebook

L’opzione canonica (che io chiamo “ Padroni a casa propria”) è quella in cui l’azienda apre un canale di pagamento legato al conto corrente (il procedimento è questo: www.facebook.com/business/help) con lo stesso profilo FB utilizzato per la propria Fan page dove si pubblicano i post, dando per il periodo contrattuale definito accesso all’agenzia che fa campagne e consulenza social.
Questa strada, oltre che essere quella desiderata da FB (dagli USA mi giunge notizia che FB sta integrando dei controlli incrociati “account alto spendenti vs # di fan associati al profilo” per il tema della lotta alle fake news), permette di lasciare la storicità del profilo, i dati (anche via API) delle campagne in mano al cliente finale anche dopo il termine del contratto. E’ inoltre risaputo che l’età dell’account pubblicitario è criterio di assegnazione dell’Ad rank in Google (forse lo è già per le inserzioni Facebook).

Acquisto tramite l’account FB dell’ Agenzia Social

La “Soluzione intermediazione” dove l’agenzia compra per conto del cliente gli spazi, impone di creare un profilo FB ad hoc ( “fake”) che abbia una modalità di pagamento validata. Da questo account l’agenzia farà le sponsorizzazioni delle diverse campagne FB del cliente (quindi ci sarebbe una dis-associazione tra l’account che paga ed il profilo che viene sponsorizzato). Questo per il cliente finale può comportare extra costi amministrativi aggiuntivi (anche l’agenzia paga il commercialista e la contabile) o una fee in percentuale sull’acquistato che può variare dal 1% al 5% in base al budget; tuttavia l’aspetto chiave è che l’azienda cede all’agenzia la proprietà ed il controllo completo dell’account FB su cui fa campagne. Cosa succede con i dati delle campagne una volta che si decide di cambiare agenzia social?
Personalmente preferisco la soluzione in cui all’azienda restano tutti i dati delle campagne Facebook ( o Google se parliamo di Adwords).
Voi che soluzione preferite?

Commenti

Articoli che potrebbero interessarti

> Tutti gli articoli

Amazon vuole uccidere il tuo e-commerce?

Amazon punta ad uccidere la redditività del tuo e-commerce? Mi sono posto…
Continua a leggere

Fake News: Cosa sapere per SEO e digital

Se come sosteneva Oscar Wilde “l’importante è far parlare di sé”, la…
Continua a leggere

Il tuo Smartphone è sempre in Ascolto?

Google registra e mantiene le ricerche vocali che fai dal tuo smartphone:…
Continua a leggere