Messaggio Sito Penalizzato da Google? #3 Domande da Farsi ora

Sito Penalizzato da Google? Dopo il passaggio del Penguin, In questi giorni molti webmaster di siti web anche autorevoli stanno ricevendo messaggi da Google webmaster tool (vedi esempio) che segnalano la presenza di link innaturali ( o meglio comprati) a cui possono essere associate perdite di ranking, traffico e talvolta de-indicizzazione totale del dominio.

messaggio_link_innaturali



La prima cosa da dire è che un messaggio come quello sopra non significa strettamente che il sito è penalizzato, ma a mio parere va tradotto in questo modo:  “Caro gestore del sito, il nostro algoritmo ha trovato dei link inbound verso di te ( = provenienti da domini esterni e direzionati verso il vostro dominio) che sembrano fatti ad arte per “pompare” il tuo ranking ed inquinare il posizionamento naturale sul nostro motore di ricerca.  Ciò in violazione delle nostre linee guida per i siti.  Magari non c’entri e non ci puoi fare nulla, ma se invece ne sai qualcosa di questi link…affrettati a rimuoverli dopodiché mandaci un messaggio con la lista dei siti SPAM che ti mandavano link comprati”.

Quindi Google ed il team di Matt Cutt sta accelerando la battaglia a chi compra link, e ciò ha accesso molti timori a chi ha investito nel link building ( ovvero generazione di Link in ingresso provenienti da domini esterni e direzionati verso il vostro dominio).  Ricordiamo che tutti i i link volti a spingere artificialmente il ranking del vostro sito, sono visti negativamente da Google e potrebbero danneggiare l’autorevolezza del dominio agli occhi del principale motore di ricerca al mondo.

Ora se il vostro sito è importante per la vostra attività, è giunto il momento di farsi 3 domande al fine di prevenire eventuali penalizzazioni ed essere pronti ad agire nel caso in cui ciò avvenisse ( facendo i debiti scongiuri):

1) Negli ultimi 5 anni chi si è occupato del vostro programma di link building del vostro sito web? Avete un tracciamento puntuale di tutti i link che avete accumulato nel tempo  (nuovi e vecchi)?

2) Avete mai fatto un’analisi della qualità / quantità dei siti che linkano verso di voi? Quanti sono? Da quanti domini si generano? Si tratta di sitiweb con contenuti di buona qualità attinenti al vostro settore / business o siamo difronte  ad una rete di siti fatti appositamente per spingere il vostro ranking  (in aperta violazione delle linee guida Google)?

3) Se avete Affiliati, Partner e Rivenditori, avete un documento con le linee di guida e le metodologie di sviluppo del Link Building?

Se non sapete cosa rispondere alle domande sopra, ora è più che mai necessario fare un audit dei vostri link ed averli sotto stretto controllo, sempre  se volete mantenere le vostre visite da Google. Una volta si pagava per avere più link, ora alcuni in USA arrivano a chiamare l’avvocato per farseli rimuoverli
image_print

Commenti

comments

Ale Agostini

Social & Search Engine Marketing Lover. Writer for HOEPLI ("Trovare clienti con Google"), Marketing Teacher for Iulm & Sole 24 h.
SEO/SEM
Newsletter

Oltre 2000 iscritti, rispettiamo la tua privacy