Il concorrente usa il mio marchio su Google: Cosa Fare per Bloccarlo?

Con l’aumentare della forza ed importanza della pubblicità su Google, alcuni “furbetti del quartiere” comprano le parole chiave dei marchi dei concorrenti diretti. Alcune volte si tratta di piccole aziende, altre volte di grandi aziende che al loro interno hanno dei responsabili marketing poco corretti ( o nella migliore delle ipotesi poco attenti a chi hanno delegato l’implementazione della campagna su Adwords) che vogliono andare al traino di brand forti e consolidati.
Cosa fare se qualcuno usa i vostri loghi / marchi registrati per farsi pubblicità su Adwords? Come tutelare il vostro marchio nella pubblicità online? e’ possibile fare qualcosa per fermare questi furbetti? tutela marchio online

In primis se il vostro marchio o trademark si chiama “SEO”, dovete averlo registra nel paese di interesse con la modalità denominativa: solo in questo caso si può chiedere a Google inc. lo stop sia dell’account del concorrente e di tutti gli altri inserzionisti che adottano un comportamento simile con oggetto il vostro marchio. In genere il 40% delle richieste è accettato e dipende dalla persona che manualmente prende in carico la pratica. Se avete solamente un marchio registrato figurativo, in genere NON ci sono le condizioni per reclamare con successo.

La nostra agenzia si occupa di presentare il reclamo a Google Inc con le modalità che massimizzano le chance di successo.
Per fare reclamo servono :

a) Delega scritta a presentare reclamo per vostro conto (anche via email) + una persona di contatto (che riceverà le email di google Inc della fase 2)
b) ID account Adwords Attivo (se non ne avete uno, si può comunque fare reclamo). A mio parere, se spendete cifre interessanti, il valutatore farà più attenzione al vostro caso.
c) Testi degli Annunci e URL dove atterra la campagna del concorrente. Servono più esempi ed evidenze possibili, in quanto su cui scegliere il caso che più viola le poilcy di Google. Se usano il marchio denominativo sia come chiave che come testo dell’annuncio, le chance di bloccarli sono maggiori.
d) Tutti i dettagli del/dei marchi denominativi registrati / in fase di registrazione, inclusi numero di registrazione, titolare, paese di registrazione, tipi di marchio (denominativo, figurativo, denominativo & figurativo). Se avete più di 10 marchi registrati, serve un file DOC che ricapitola queste info
e) Nome di uno dei vostri rappresentanti legali (meglio se figura nella registrazione) e suo email di contatto
image_print

Commenti

comments

Ale Agostini

Social & Search Engine Marketing Lover. Writer for HOEPLI ("Trovare clienti con Google"), Marketing Teacher for Iulm & Sole 24 h.
  • Roberto B says:

    Ciao Ale,

    Articolo interessante. Ti chiedo un consiglio sul mio caso.

    Ho scoperto che inserendo come chiave di ricerca in google il nome di un brand di cui siamo distributori per l’Italia, appaiono 2 aziende concorrenti…che come scrivi tu, vanno a traino!
    Noi non abbiamo titolarita’ diretta sul marchio, peche’ e’ la casa produttrice che lo ha registrato.
    Cosa ci consigli di fare?
    Grazie

    Grazie
    Roberto

    • Ale Agostini says:

      Ciao Roberto

      Se parliamo di un brand di cui siete solo distributori ( e voi non avete titolarita’ diretta sul marchio), la casa produttrice che lo ha registrato in Italia dovrebbe fare la richiesta di Stop a Google, tramite il form online (che consiglio ) o scrivendo a
      Google Ireland Ltd., All’attenzione di: Advertising Legal Support Team, Gordon House, Barrow Street ,Dublin 4, Ireland – fax al numero: +353 1 5433448
      All’attenzione di: Google Trademark Complaints

      Altra possibilità: vi danno delega scritta e lo fate voi per conto loro (altrimenti Google ti scrive “La informiamo di non essere in grado di proseguire le nostre indagini con riferimento ai termini “X” poiché lei non è indicato come il proprietario del marchio.
      Siamo infatti solo in grado di processare reclami ricevuti dal titolare del marchio o da un suo rappresentante a tal fine espressamente autorizzato. Se ritiene di essere il proprietario del marchio, la preghiamo di inviarciuna prova). Ricorda che ti serve il certificato di registrazione del marchio DENONIMATIVO( !!!) per il paese (TLD .IT) in cui è stato pubblicato l’annuncio.Questo è un esempio di cosa compare nel form
      Trademark: Esempio
      Country: Italy
      Word/Design:
      Registered?
      Application or Registration Number: MI2010xxxxx

      Alla base comunque ci devono essere dei legali /avvocati che sanno COME proteggere i marchi registrati e COME funziona il sistema di Adwords (su questo secondo punto ti garantisco che non è facile trovare un avvocato che conosce il Search marketing)
      ciao
      ALE