Guida pratica alla creazione di una landing page di successo

Cos’è in fondo una landing page se non la prima impressione che l’utente ha di ciò che vogliamo offrire?

È molto importante che al momento del primo atterraggio la pagina mostri effettivamente e correttamente ciò che l’utente ha cercato e che non si trovi disorientato da una pagina confusionaria e poco efficace negli obiettivi, portando all’inevitabile abbandono di essa: si rende quindi necessaria l’analisi della pagina, dei suoi punti di forza e dei possibili motivi di rimbalzo da parte dell’utente.

Ricordiamoci sempre di controllare l’ordine degli oggetti ed il loro posizionamento all’interno della pagina, enfatizzando anche visivamente gli elementi più importanti per il nostro business, per esempio immagini del prodotto, se il nostro obiettivo è vendere qualcosa, oppure inerenti al nostro business.

Particolare attenzione all’uso dello spazio bianco: si potrebbe erroneamente pensare che più la landing page è “piena” di contenuti e/o immagini più genera conversioni. SBAGLIATO!!! Non dobbiamo avere paura di lasciare spazi bianchi!! Proprio in questo modo potremmo essere in grado di enfatizzare alcuni concetti espressi, oppure immagini che ci interessano.

Da quanto detto l’organizzazione del layout della pagina diventa quindi fondamentale. Dobbiamo mettere le informazioni più importanti nella parte alta della pagina, non dimenticando di mettere un titolo alla pagina ben evidenziato; le foto inserite nella pagina devono essere specifiche di ciò che vogliamo offrire, nella corretta grandezza. E’ possibile anche aggiungere un video se lo riteniamo necessario, che non sia superiore ai 2/3 minuti. Un valore aggiunto potrebbero essere le testimonianze di altri utenti (nel caso di un e-commerce) oppure di propri dipendenti (nel caso di creazione di lead). Nella pagina non deve esserci  un menù di navigazione globale, per evitare che l’utente sia “sviato” dall’obiettivo finale che per noi è generare conversioni ma solo il bottone o link per effettuare l’action desiderata (comprare un prodotto, chiedere informazioni, iscrizione ecc. ecc.), posizionato in una parte alta e ben visibile della pagina evitando cosi che l’utente debba scendere nella pagina.

Di seguito vediamo un esempio di landing page ben strutturata ed equilibrata in tutti gli elementi trattati precedentemente.

LandingPage



Discorso leggermente diverso per l’implementazione di una landing page per la versione mobile del nostro sito. Prima di tutto dobbiamo controllare il tempo di carimento della pagina, quindi evitando contenuti troppo “pesanti”, e soprattutto dobbiamo verificare che il flusso di conversione sia il più breve possibile, quindi avendo il minor numero di passi possibili.
Per quanto riguarda la grafica e l’archiettura della pagina dobbiamo sempre ricordarci che il display di un dispositivo mobile è di solito più piccolo di un desktop (escludendo i tablet) quindi dobbiamo curare maggiormente il suo layout cercando di evitare più possibile lo scroll della pagina.

Potete trovare altre interessanti informazioni a riguardo nel seguente webinar “8 Juicy Secrets to Landing Page Success” di Eric Pfeiffer, Account Manager di Lander, che potete seguire qui sotto.    
image_print

Commenti

comments

SEO/SEM
Newsletter

Oltre 2000 iscritti, rispettiamo la tua privacy