Come semplificarsi la vita nella lettura dei dati adwords?

Esistono indicatori che possono facilitarci la lettura dei rapporti ed aiutarci nell’ottimizzazione delle campagne? Ad smx Milano ne parlano Andrew Goodman fondatore di Page Zero Media e Brad Geddes fondatore di certified knowledge.

Obiettivo di entrambi gli interventi è stato offrire strumenti noti di lettura alternativi dei dati AdWords per semplificare l’analisi e l’ottimizzazione delle performance. Goodman si è focalizzato molto sul valore relativo attribuito spesso ad alcune metriche AdWords, come ad esempio il quality score o la posizione dell’annuncio, metriche che il relatore consiglia di tralasciare per dedicarsi maggiormente allo studio degli obiettivi economici della campagna.

Di diverso tenore l’intervento di Brad Geddes, che spiega invece i vantaggi di utilizzare i rapporti Google Analytics per leggere le performance SEA e sposta il focus sul Bounce Rate, un dato estremamente interessante da considerare in particolare se letto dai rapporti AdWords presenti su Analytics, che consentono a chi fa analisi di segmentare e filtrare i dati fino ad ottenere indicatori non presenti nei tradizionali rapporti AdWords.
image_print

Commenti

comments