Aprire una Startup: La Verità che Scopri Dopo

Ultimamente sento parlare di aprire una startup come se fosse un gioco da ragazzini, spesso da dipendenti (ottimi) che ne parlano da tempo. Sono imprenditore dal 2005: prima di aprire un’azienda ho fatto gavetta, ho mangiato M. per anni. Oggi, dopo aver sviluppato due aziende di successo e aver dato lavoro a centinaia di persone, posso affermare che per ottenere risultati servono fortuna, imprenditorialità e duro lavoro. Su social network e mass media tutti parlano dei successi facili dei fondatori di Uber, Tesla & Google, ma nel 99% dei casi non è così: ci sono tante cose di cui non si parla. Ogni anno alcuni neo imprenditori mi chiedono di finanziare o di entrare nella loro startup. Per loro e per te, che sogni la tua impresa, ho sintetizzato una spremuta delle cose più importanti e meno pubblicizzate da sapere prima (non dopo) di creare una startup:

  • L’idea conta poco. Contano le AZIONI che fate. Avere l’idea di fare 100 addominali ogni giorno è diverso dal farli. L’esecuzione domina, le idee sono commodity.
  • Fallimento: 9 su 10 non ce la fanno. Devi essere pronto ad accettarlo se va male. Con serenità.
  • Lo startup marketing per lanciare un’attività aiuta ma non basta: ti servono anche le persone giuste, la cassa, la capacità imprenditoriale.
  • Stipendio dei fondatori e lavoratori delle startup: si guadagna molto meno della media. Questo per almeno 3 o 4 anni dal lancio. Spesso salterai le vacanze (o dovrai lavorare in vacanza e weekend).
  • Licenziamenti: certe volte ti toccherà mandare via persone che apprezzi ma che in quel momento non rientrano nei numeri.
  • Growth hacking: anche quando funziona spesso non basta a fare cassa nel breve termine. Con i Like e le sessioni SEO non paghi gli stipendi.
  • Sopravvivere da soli: nei primi 3 anni di vita della startup, devi farcela da solo e non cercare subito soldi da parte di un investitore senza prima aver validato sul campo l’efficacia dell’idea.
  • Benchmark: Aziende come Facebook, Google, Amazon e LinkedIn sono casi rari e fortunati (lo 0.001%). Per i primi 3-5 anni non pensate neanche un minuto a questi casi di successo. Se poi andate a studiare bene hanno lottato molto all’inizio.

Fate la vostra startup se lo desiderate e siete convinti. Partite OGGI, Non DOMANI.
Cercate subito qualcuno che l’ha fatto davvero e vi permetta di imparare dagli errori degli altri! Vi costerà meno che farlo sulla propria pelle. Spero che un sacco di gente possa evitare gli stessi errori che ho commesso io.

Commenti

Eventi Digital

Articoli che potrebbero interessarti

> Tutti gli articoli

Digital PR, Link e SEO

Quando si parla di digital PR, backlink e SEO, si entra in un…
Continua a leggere

Voice Search, la nuova opportunità

Nove anni fa chat e texting rappresentavano un’eccezione, oggi sono l’80% delle…
Continua a leggere

GDPR Geddon: cosa fare su Google Analytics

Pronti al GDPR Geddon? Dopo la Cookies law eccoti il divertimento per l'estate…
Continua a leggere